Perché si vota a destra, in Germania

Ieri e oggi ho visitato la regione della Germania dove sono cresciuto. Meglio conosciuta come la rust belt tedesca, è stata storicamente una terra socialdemocratica. Oggi, invece, è sorprendente quanti ex elettori dell’SPD si stiano chiaramente avvicinando all’AfD. Ho avuto una lunga chiacchierata con un tassista che rientra in questa categoria, ed è stato interessante…

È solo la fine del mondo

Il 9 novembre 2016 era un mercoledì. Milano si risvegliava fredda, grigia, avvolta dalla nebbia. Non che fosse una novità. Quella mattina, però, la città rispecchiava l’animo di molti. Quelli che avevano avuto un brutto risveglio, dopo una serata inquieta e una notte piena di paure. Fino ad allora sopite, inespresse. Eravamo andati a dormire…

Emma non è Bernie

La Sinistra è in crisi in tutta Europa. In tutto il mondo. Non lo è da oggi e i motivi sono molti e variegati, come si è scritto più volte anche qui. Ma, perfino negli ultimi anni, ci sono stati fenomeni ed eventi positivi – o parzialmente positivi – che hanno meritato attenzione e portato…

Why Postmodernism Is A Threat

Postmodernism is a threat. Not only to liberal democracy, but to modernity itself. That may sound like a hyperbolic claim, but the reality is that the cluster of ideas and values at the root of postmodernism have broken the bounds of academia and gained great cultural power in the West. The irrational and identitarian “symptoms”…

Seven Reasons Why the Left is Losing

Is the (American) left capable of political success right now? What follows is a roundup of critiques offered in the spirit of “I want a country where the best versions of left and right are vying against one another.” It is neither exhaustive nor definitive. But I hope that it can serve a starting point…

La Nobiltà del Padre

È mattina, accendo la tv. Fuori, la nebbia nasconde tutto il quartiere. Sul primo canale si parla delle feste, di presepe e altre decorazioni. Sul secondo canale un’intervista, parla un giovane della “generazione Erasmus“. Sul terzo canale, invece, il dibattito politico, sui postumi del referendum costituzionale. Discutono col conduttore: Fabio Mussi – classe 1948, esponente…

Tom e Nance

Fine giugno 2011, Sanlitun, Pechino. Pranzo con un amico, ci raccontiamo le vicende e i pensieri degli ultimi mesi. Mi capita di citare un libro appena letto. Parlava di America. “Conosco Tom dal 1957, quando eravamo due piccoli bifolchi che arrivavano in quella che oggi viene chiamata scuola media. Come moltissimi proletari dell’America profonda, Tom…

Il Miracolo

È pomeriggio, passeggio accanto al Duomo. D’improvviso un’ovazione s’infila nello spiraglio lasciato aperto dalle cuffiette. Una folla di adolescenti, ragazzi e ragazze, molti scortati da qualche genitore, esulta ammirata verso il negozio di libri e cd. Molti hanno in mano un libro – lo stesso libro -, e un pennarello. “Ma chi c’è?”, chiedo a un papà in fila….

Parlarsi addosso

Parlarsi addosso è un errore imperdonabile in politica. Parlarsi addosso è una patologia cronica di quelle parti politiche in cui gli intellettuali hanno ruoli preminenti: la sinistra, in primis (assieme al centro liberale). Parlarsi addosso è grave perché significa: non arrivare, non farsi comprendere, non essere aperti agli stimoli, non raccogliere le critiche. Autoreferenzialità e chiusura….

Un sogno senza pace

“E poi venne l’11 settembre, e gli americani ebbero la sensazione che il loro mondo andasse a gambe all’aria.  Con la giustizia alle spalle e il mondo al nostro fianco, in poco più di un mese scacciammo il governo talebano da Kabul. I membri di al-Qaida fuggirono, o vennero catturati o uccisi. Era un buon…